venerdì 15 maggio 2009

I fermenti lattici dello yogurt di Chuck Norris sono tutti morti...


Bentrovati!

Vi confesso che mi devo ancora riprendere dagli argomenti trattati nei post precedenti: la "Berluscopedia", come la chiama l'amico Dark0, mi ha steso.

Essendo quindi in cerca di distrazioni, oggi ho deciso di rilassarmi in libreria.

Qualche anno fa, in un maldestro tentativo di organizzare alcuni aspetti della mia vita, mi diedi una ferrea regola di autodisciplina in materia di letture: "non comprare un libro finchè non hai finito quello che stai leggendo".

Impossibile continuare a leggere 4/5 libri contemporaneamente...e poi troppi libri sul comodino, troppi sulla scrivania...per cercare di contenere quel casino e per rispettare questa regola oggi mi era quindi vietato comprare.

Mentre davo un'occhiata agli scaffali, la mia attenzione è stata catturata dal libro che vedete in foto: ovviamente l'ho comprato subito...era proprio quello di cui avevo bisogno in un momento simile...

E le regole esistono anche per essere infrante, sennò sai che noia...

Questo libretto si intitola "I fermenti lattici dello yogurt di Chuck Norris sono tutti morti..." e si tratta di una raccolta dei migliori "Chuck Norris Facts".

I fatti di Chuck Norris sono una moda nata in rete qualche anno fa...

"Tutto ha avuto inizio con poche battute nate chissà dove e chissà quando negli Stati Uniti, diffuse in giro per il globo a velocità supersonica, giunte tra le mani dello stesso Chuck Norris, che dapprima ha preso le distanze e in seguito ha imparato a stare al gioco arrivando addirittura a leggerle in TV. Le battute di Chuck Norris sono un mistero inspiegabile, sono il trionfo del nonsense, del grottesco e, soprattutto, sono l'ennesima dimostrazione che quando la Rete si mette in moto non c'è niente in grado di fermarla."

Inutile dire che si tratta di una lettura molto agile e divertente...le battute demenziali sull'attore americano fanno ridere e donano il buonumore.

Del resto, quando si legge che "in Africa è stata scoperta un impronta del piede di Chuck Norris sul cranio di un fossile di Tyrannosaurus rex"...oppure che "i greci credevano che gli Dei si trovassero sul Monte Olimpo: gli Dei credevano che Chuck Norris si trovasse in un ranch in Texas" non si può non ridere...

Gli autori sono due simpatici ragazzi che raccolgono da anni le migliori battute e freddure sul mitico Chuck nel loro visitatissimo blog.

E, in momenti bui come questi, farsi qualche sana risata non può che essere terapeutico...

Buona lettura!

- Vonetzel

6 commenti:

Alex ha detto...

Una buona lettura sicuramente!
Io mi ritrovo molto nel libro :"La legge di Murphy".

dark0 ha detto...

"Io mi ritrovo molto nel libro :"La legge di Murphy"."

non so il perchè ma ci avrei giurato. XD

io invece nel dizionario del diavolo di ambrose bierce :-)

Vele/Ivy ha detto...

Cosa sarebbe, una specie di corrispettivo americano delle barzellette di Totti? Scusa il paragone, ma cercavo di trovare un paragone nostrano...

Mg2 revolution ha detto...

Ehi, ci siamo cancellati perché c'è gente che non ci vuole bene e sinceramente c'eravamo stancati... torneremo prima o poi.. intanto continerò a seguire il tuo blog!

Lu ha detto...

:-D Le storie dell'invincibile Chuck le ho conosciute tramite mio cognato, indefesso e pio devoto dello Zoo di 105, che ogni tanto me le citava..
In effetti fanno molto ridere anche me, perchè ormai ne inventano certe che davvero sono l'apoteosi dell'assurdo!
Io non so dire in che libro mi ritrovo, ma complimenti a dark0 per il colpo: conosco e stimo Bierce, per la narrativa gotica, ma mi mancava questo "Dizionario del diavolo"! Trattandosi di cinismo applicato, almeno da quel che ho capito, lo cercherò al più presto!

@Mg2 revolution
E' un peccato perdervi..mi raccomando: appalesatevi, ogni tanto!

Vonetzel ha detto...

@Alex: mitico "La legge di Murphy"...però "Anche le formiche nel loro piccolo si incazzano" non era male...
@Dark0: ammetto la mia lacuna e la colmerò al più presto.
@Vele: si,più o meno come le barzellette su Totti...solo che sono partite su internet e in breve tempo si sono diffuse su scala mondiale.
@Mg2: caspita!...mi dispiace tanto...spero di continuare ad incontrarti nei commenti ai miei post...salutami M!KA.
@Lu: si,in effetti è un pezzo che se ne parla...essendo un libro divertente,era quello di cui avevo bisogno per distrarmi un pò...